Aditinet Consulting Spa, system integrator italiano fondato nel 2004, specializzato nella progettazione e implementazione di sistemi mission-critical dedicati alle infrastrutture di networking e alla sicurezza per grandi aziende private e pubbliche, conferma la propria strategia di internazionalizzazione, iniziata con importanti collaborazioni avviate con partner inglesi negli anni passati e annuncia oggi l’apertura di una sede a Reading, nel distretto IT a ovest di Londra.

L’azienda,specialista nel supportare i clienti nel complesso percorso di trasformazione IT, da oltre dieci anni garantisce soluzioni e servizi di livello enterprise a numerose realtà italiane e internazionali, offrendo le tecnologie più innovative nei principali segmenti, tra cui quelli di Networking, Security, Mobility, infrastrutture di Data Center e Cloud, Application Delivery e Big Data.

L’elevata expertise sviluppata in Italia, grazie alle competenze e alle certificazioni tecniche ottenute con vendor leader, ha permesso ad Aditinet di costruire un ampio portfolio di clienti con i quali ha avviato importanti progetti e implementazioni sul territorio. Forte di questi successi, l’azienda ha deciso di sbarcare oltremanica per ampliare la propria presenza, avviare azioni specifiche e garantire a clienti nel Regno Unito un supporto consolidato, attraverso consulenti e professionisti che agiscono in loco.

La sede inglese è coordinata da Jim Sneddon eDave Stanley, due manager di grande esperienza in ambito IT, che assumono la responsabilità di guidare la strategia aziendale, sviluppare l’ecosistema dei clienti, potenziando le partnership e i progetti con i vendor sul territorio britannico. Inoltre, proseguiranno l’attività di scouting di nuove start-up locali, per arricchire e integrare l’offerta di Aditinet. È importante evidenziare che entrambi i manager hanno ricoperto ruoli rilevanti in aziende che offrono soluzioni e servizi in ambito security: Stanley è stato VP Sales EMEA di Imperva e co-founder del VAR Grillatech, specializzato in Cyber-Security; Sneddon invece ha lavorato come Senior Sales Engineer in aziende come NTT Communications, Websense ed infine come Technical Directory in Grillatech.

Dave Jim

La filiale inglese conta al momento otto risorse operative, che sono figure tecniche e commerciali qualificate e certificate, per fornire servizi IT di alto livello è qualità.

“Siamo orgogliosi di rappresentare Aditinet nel Regno Unito e di operare con professionisti seri, che garantiscono valore aggiunto ad ogni progetto tecnologico intrapreso,” sottolinea Jim Sneddon, Technical Director di Aditinet UK. “Il nostro team è ora composto da 8 specialisti e contiamo di ampliarci, raddoppiando i nostri consulenti entro la fine dell’anno.”

“Questa espansione in Europa rappresenta un passaggio fondamentale per consolidare la nostra presenza a livello internazionale. È un’ulteriore conferma del valore dell’impegno che garantiamo ai clienti, dell’attenzione al mercato e all’innovazione tecnologica,e dell’elevata qualità dei nostri servizi,” spiega Paolo Marsella, CEO di Aditinet Consulting Italia.

“Uno dei nostri obiettivi principali sarà quello di realizzare progetti di reale valore per le aziende di ogni dimensione – prosegue Stanley, Sales Director di Aditinet UK – ampliando al tempo stesso il raggio di azione verso nuovi settori di competenza, per sviluppare un supporto tecnologico sempre più specializzato ed essere in grado di fornire le soluzioni più adeguate al servizio del business di ogni impresa.”

In Italia, l’azienda è presente con tre sedi, situate a Milano, Roma e Padova e opera con i principali vendor IT, per garantire le migliori soluzioni che soddisfino le esigenze in continua evoluzione dei clienti. Aditinet garantisce supporto anche in fase post-sales attraverso il proprio Network Operation Center (NOC), situato a Roma, che eroga servizi 7 giorni su 7, 24 ore su 24, permettendo così ai propri clienti di contenere i costi, sia di infrastruttura, sia di risorse, per il monitoraggio, di avere sempre a disposizione uno staff di assistenza e manutenzione competente che li possa supportare in ogni situazione di emergenza, e di migliorare i tempi di risposta e l’efficienza operativa.