Aditinet si impegna nel Sociale a favore della sicurezza delle realtà più sensibili!

Aditinet, ad integrazione della quotidiana attività commerciale, ha come obiettivo quello di valorizzare la propria sensibilità ed il proprio impegno nel sociale. La sicurezza dei sistemi vuole altresì unirsi al concetto di sicurezza e salute dei cittadini...

Aditinet, ad integrazione della quotidiana attività commerciale, ha come obiettivo quello di valorizzare la propria sensibilità ed il proprio impegno nel sociale.

La “Sicurezza” ha la caratteristica di raggruppare molte attività professionali estremamente diverse tra loro: unisce i professionisti del nostro settore (CyberSecurity) a professionisti che ogni giorno lavorano negli ospedali per monitorare, prevenire e curare la salute e la sicurezza di tutti i cittadini  

Come ogni anno, in occasione del Natale, abbiamo voluto confermare questo nostro “piccolo” contributo, ed abbiamo deciso di condividerlo con:

  • Ospedale San Gerardo di Monza
  • Azienda Ospedaliera-Universitaria Sant’Andrea di Roma-Facolta’ di Medicina e Psicologia, Università Sapienza, Roma.

organizzando, congiuntamente alla Compagnia Teatrale “SeriamenteComici”, due spettacoli teatrali rispettivamente il prossimo 18 dicembre a Monza e 19 dicembre a Roma

Perché Aditinet ha la sicurezza nel cuore..

Marco Gornati
(Commercial Director at Aditinet)

blank
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Share on print

Articoli correlati

Nel Cloud, con un concetto che oramai viene considerato come best practice minimale è quello che ogni entità, sia esso un essere umano od un servizio, debba avere solo i permessi che gli consentono di svolgere il proprio compito. Eppure la realtà è ben diversa e possiamo portare ad esempio anche lo studio più ampio fatto da Unit42 di Palo Alto Networks.
IaC, Infrastructure AD Code, un' architettura di nuova generazione basata su Kubernetes: sul primo livello abbiamo i Template della infrastruttura, Terraform o CloudFormation od ARM che siano, uniti a quelli per le funzionalità Serverless. Sul secondo livello abbiamo gli Helm Chart che definiscono l’ambiente Run Time, e di conseguenza la sicurezza, della singola applicazione. A livello più alto i container sono poi il vero e proprio codice e che ad oggi sono già coperti con i classici strumenti di SAST e di VA.

Non sei ancora iscritto alla nostra newsletter?

Torna su